Visual Composer per WordPress: una panoramica veloce

Facciamo una rapida panoramica su Visual Composer, il pioniere dell’editing visuale per WordPress

Pensato appositamente per semplificare la vita dell’utente poco esperto e per velocizzare l’approccio all’editing di quello più rodato, Visual Composer è un plugin di riferimento nel mercato WordPress, sviluppato dalla WPBakery con l’obiettivo di dare un approccio visivo alle molteplici funzioni del CMS per cui bisognerebbe mettere mano al codice HTML o CSS.
Visual Composer: mi può servire?

Visual Composer ha un approccio intuitivo e rapido a tutte quelle funzioni di editing che permettono all’utente avveduto di trasformare un blocco di testo senza arte né parte in un concentrato di informazioni fruibili, piacevoli alla vista e facile da scorrere. Un valore aggiunto non da poco, in un’epoca dove tutto dev’essere “fast”.

Il Visual Composer è un plugin per WordPress (scaricabile dal sito ufficiale) che svolge il compito di fornire una tavolozza di strumenti, già pronti, che possono essere presi e trascinati sulla tela bianca della pagina per trasformarla come più ti piace. Il sistema “drag & drop” permette di spostare gli elementi che si vogliono introdurre, così da integrarli al testo dell’articolo o della pagina web.

Visual Composer va a sostituire il regolare editor di WordPress e funziona così bene che molti temi premium lo integrano al loro pacchetto di servizi, per un livello di comodità ancora maggiore. Dai un’occhiata ai temi premium di ThemeForest e verifica tu stesso.

Visual Composer è inoltre considerato uno dei primi page builder, che è un termine piuttosto generico per identificare tutte quelle estensioni di WP che aiutano l’utente a creare pagine professionali per i loro spazi web. Visual Composer è stato il Page Builder per eccellenza e ha spianato la strada all’ampissima selezione di strumenti visivi tra cui possiamo scegliere oggi.

Visual Composer è compatibile con Gutenberg?

Dopo mesi di incertezze e problemi, finalmente Visual Composer Premium è compatibile con Gutenberg e permette all’utente di sfruttare il “sistema a blocchi” del nuovo editor WordPress all’interno della pagina, senza che Visual Composer causi problemi di compatibilità all’intero sistema e alle pagine pre-esistenti.

Come funziona esattamente Visual Composer?

Trattandosi di un plugin, Visual Composer richiede una rapida installazione per entrare subito in funzione nei sistemi WordPress. Creando un nuovo ambiente, è possibile usufruire di un pratico sistema a blocchi per andare a disegnare la struttura della pagina bianca. Basta fare click su “Aggiungi elemento” per lasciarsi travolgere – mi raccomando, niente panico! – da una pletora di funzioni e opzioni per personalizzare al massimo la pagina web. Con il pratico pulsante di ricerca potrai scremare le funzioni in base alla necessità e andare a selezionare quella che reputi la migliore per le tue esigenze.

Visual Composer non richiede dunque conoscenze pregresse in coding, risultando lo strumento ideale anche per gli utenti principianti. Tra le funzioni principali di Visual Composer, sia frontend che backend, ricordiamo quelle per i blocchi di testo, pulsanti funzione per i social media, lettori video, caroselli per immagini e grafici.

Visual Composer è un sistema efficace e si adatta alle “esigenze liquide” dei siti web moderni. Questo significa che è il tool perfetto per realizzare siti web accattivanti che si vedono bene non solo da un certo browser su PC, ma anche da tablet e smartphone. Un valore aggiunto non da poco per uno strumento che, nella sua versione Premium, ha un prezzo davvero accessibile.