Perché scegliere Facebook per il proprio business


Oggi parliamo di Facebook e di tutto quello che devi sapere per avviare un’attività di valore su questo importantissimo social network.

Se il blog svolge un’importante funzione comunicativa, i social media fungono da ponte di collegamento tra le informazioni e le persone. Sono spazi dedicati alla trasmissione di messaggi, emozioni, sensazioni e ispirazione, e una delle prime piattaforme per potenzialità di promozione dei propri prodotti e dei valori aziendali.


Introduciamo Facebook

Nell’articolo di oggi ci occupiamo di Facebook, che con i suoi 2.2 miliardi di utenti attivi ogni mese al mondo si qualifica di certo come una delle piazze di punta della promozione marketing. Facebook nasce nel 2004 da una piattaforma software scritta da un certo Mark Zuckerberg, una delle persone più potenti e influenti di tutti i tempi.

Qui ce n’è davvero per tutti i gusti e, ogni azienda che punta ad espandere il suo mercato al consumatore, dovrebbe possedere una pagina.

Le persone trascorrono, in media, 8 ore della loro vita ogni mese sui social. La piattaforma supera largamente gli 80 milioni di utenti di età superiore ai 45 anni e presenta strumenti di targeting che ti permettono di raggiungere i destinatari più interessati ai tuoi prodotti. La tua pagina, se ben realizzata e sponsorizzata, ti permetterà di raggiungere un pubblico migliore di quello che si può sperare con gli altri strumenti di marketing, raggiungendo senza difficoltà il contatto con il cliente giusto con un costo d’acquisizione esiguo.

Facebook: è una perdita di tempo per il tuo business? La risposta, comunque la si voglia vedere, è assolutamente no! Molte aziende preferiscono non investire parte delle loro risorse su questo social o, peggio ancora, effettuare piccolissimi investimenti che portano a una pagina creata con poca cura e troppa fretta da un SMM improvvisato. Perché “esserci è meglio di niente”.

Purtroppo questo ragionamento, ancora molto popolare, non è poi così vincente. Il potenziale di Facebook, come di quello di quasi tutti i social media, si sprigiona applicando tre “semplici” forze alla propria attività:

  1. Costanza
  2. Competenza
  3. Investimento

Usare Facebook per aziende è assolutamente inutile se si decide di farlo “a tempo perso”. Diviene invece una preziosa risorsa nel momento in cui si decide di impostare la propria presenza social in maniera strategica e razionale.

Un po' di branding

Facebook e il personal branding

Siete interessati ad approfondire l’argomento del branding? Volete conoscere e applicare attività di branding alla vostra attività professionale o volete sapere come “muovervi sui social? Scaricate il nostro eBook sulla scrittura per il marketing e l’arte dello storytelling

Vi alla pagina dell'eBook

Il personal branding in due parole

Il mondo social orbita attorno a una scrupolosa politica di personal branding. Chi bazzica il web sa che a Google piacciono i contenuti fatti in un certo modo e, soprattutto, il materiale che si distingue. Questo ragionamento diviene ancora più vero su Facebook, dove per essere in grado di veicolare il tuo ottimo prodotto devi anche essere in grado di presentarlo in modo che risulti diverso da tutto il resto.

Può sembrare un discorso ovvio, ma è qui che si nasconde il motivo per cui esserci, sui social, non basta affatto.

La reputazione e la presenza online sono strumenti insostituibili per un business che sogna di tirare fuori la fatidica marcia in più.

Con personal branding non ci riferiamo alla creazione di una marca in senso stretto, ma alle emozioni e le opinioni che esso suscita nel pubblico interessato. Si tratta di tutte quelle attività che riguardano la tua immagine agli occhi dei clienti e la tua reputazione (positiva): accorgimenti che fanno comprendere al cliente i motivi per cui dovrebbe scegliere te, e perché ti differenzi dagli altri per capacità e professionalità.

In che modo Facebook può aiutare il personal branding?

Quando vendi te stesso sui social media, non stai facendo una campagna promozionale per il prodotto che vendi, ma per un concetto più astratto. Un’emozione. Un’opinione. E se c’è un luogo al mondo dove alla gente piace avere opinioni questo è proprio il social media, e in particolare Facebook. Crea un dialogo aperto con il tuo cliente, formando un ponte di comunicazione e scambio di informazioni reciproco e fai in modo che il tuo piano editoriale non parli solo di te. Non sei il solo al mondo a vendere quei prodotti e, in generale, non esisti solo tu: strumenti come Facebook ti aiuteranno a comprendere l’importanza di essere percepito dagli altri nel modo giusto.

Ecco qualche consiglio sul come fare attraverso questo piccolo, grande social media:

  1. I tuoi post non dovrebbero mai riguardare unicamente i tuoi prodotti, i tuoi articoli sul blog e, in generale, i tuoi servizi. Una pagina interessante sfiora migliaia di argomenti correlati e sfrutta le potenzialità delle foto, dei video e dei contenuti on page per creare engagement.
  2. Un piano editoriale fatto di link che rimandano ad un sito esterno a Facebook non è lungimirante e, in generale, non è ben visto né dagli utenti, né dall’algoritmo del social. La pagina potrebbe dunque venire penalizzata in favore di altre che promuovono contenuti e intrattenimento all’interno dell’ecosistema.
  3. Scegli contenuti “collegati” al tema della tua pagina e invoglia gli utenti a informarsi non solo sul tuo prodotto, ma anche a te e all’argomento di cui tratti. Devi invitarli nel tuo mondo e fargli capire che è un posticino niente male!
  4. Sii costante e vivi il tuo profilo, se possibile, ogni giorno. Tagga gli influencer del tuo settore, invitali a testare i tuoi prodotti o dai loro spazio sui tuoi profili. Come detto, non ci sei solo tu: ora che sei su Facebook fai parte di una comunità a cui devi dare qualcosa per poter ricevere la meritata attenzione.

Prima di cominciare, richiedi a un esperto del settore un’indagine accurata riguardante il tuo punto di partenza. Che differenza c’è tra la percezione che gli altri hanno di te e quella che invece vorresti vedere? Un lavoro serio parte da una risposta onesta a questa domanda.

Come iniziare a usare Facebook per il tuo business

La prima regola del Facebook Club è che non puoi pensare di aprire una pagina Facebook con zero conoscenze e zero intenzione di spendere soldi: pena, un ritorno dell’investimento pari a zero. Un sacco di zeri, insomma. L’azienda seriamente intenzionata a lanciarsi su Facebook deve dunque prepararsi a una serie di step necessari alla visibilità, tra cui quelli dedicati alla sponsorizzazione dei post, alla realizzazione di contenuti, anche video, e alla creazione di spazi dove il consumatore possa trovare il prodotto e possa farsi un’idea precisa di come funziona, acquistandolo con pochi semplici passaggi.

Creazione della fanpage

La prima cosa da fare quando il tuo business si approccia a Facebook è naturalmente quella di creare una pagina, inserire la copertina, foto profilo e tutte le informazioni necessarie a collegare la propria identità ai contatti e ad altre piattaforme dedicate – come per esempio il proprio sito web, blog o un altro profilo social. Questa attività dev’essere effettuata sulla base di accurate ricerche di mercato che possano aiutarti a individuare il tuo target. Perché se non sai chi è, non puoi di certo coinvolgerlo con il tuo storytelling! Facebook Business Manager è un servizio che può essere associato al tuo profilo personale o alla tua email aziendale e ti permette di gestire tutti gli aspetti più tecnici della creazione di una pagina, dal nome commerciale fino alla foto del logo – o la tua! Le immagini di copertina devono essere 851×315 da desktop e 640×360 da mobile.

A questo punto devi inserire le informazioni di base, dalla posizione geografica fino agli orari e alle opportunità di contatto. Non dimenticare di compilare anche le Informazioni riguardanti il tuo brand, la storia aziendale e la mission. Sono campi essenziali che permettono al cliente di farsi un’idea del tuo obiettivo online, e possono aiutarli a capire se è la tua azienda quella di cui davvero hanno bisogno per risolvere i loro problemi specifici.

Ora non devi fare altro che modificare la call-to-action, ovvero l’invito all’azione. Ci sono moltissime scelte disponibili che forniranno un link di collegamento diretto al servizio che puoi spingere di più: Contattati, Invia messaggio, Iscriviti, Invia una mail, Chiama ora, Per saperne di più, Scopri le offerte, Prenota Ora, Acquista ora, Visita la community… C’è solo l’imbarazzo della scelta.

A questo punto puoi decidere di invitare i tuoi amici a esplorare la tua nuova pagina, ma non fare troppo affidamento su questo punto per ottenere una solida fanbase iniziale: le persone accanto a te potrebbero infatti non essere interessate al tuo prodotto o servizio, e spingerti erroneamente a credere che “Facebook non funziona”. È falso: il tuo problema è che hai bisogno di targettizzare meglio i fan a disposizione.

Creazione dei post

La creazione di post è un argomento ampissimo su cui sono state spese molte parole, e che richiederebbe un approfondimento a parte. I post sono la quintessenza della pagina Facebook, la sua anima e il motivo per cui le persone impareranno ad amare e ad apprezzare il vostro brand. Le regole generali per la creazione di un post sono le seguenti:

  • Usa uno stile di comunicazione ammiccante, accattivante e simpatico: Facebook non è luogo per l’ufficialità e le formalità. Il tuo modo di rivolgerti agli utenti dovrebbe sempre essere il più diretto e semplice possibile, con una nota di freschezza;
  • Non sai cosa postare? Stimola l’engagement con domande, quiz o interazioni che stimolano il coinvolgimento;
  • Non essere autoreferenziale: ai tuoi utenti non interessano sempre e solo i tuoi prodotti, ma tutto quello che ci possono fare e tutto ciò che riguarda l’argomento di riferimento. Insomma, cerca di diventare un punto di raccolta per tutte quelle informazioni di contorno che possono aiutare i tuoi utenti a entrare nel tuo mondo nel modo giusto.

E soprattutto crea un piano editoriale che spacca!

Crea un piano editoriale che spacca !!!!

Le funzionalità della pagina Facebook

La pagina Facebook aziendale presenta una serie di funzionalità ideate appositamente per migliorare la tua interazione con il pubblico, rendendola sempre più interessante, coinvolgente ed efficace. Stiamo parlando di opzioni talvolta trascurate che, una volta configurate, possono davvero aiutarti a far conoscere la tua pagina. Qualche esempio:

  • Pubblicare un evento: hai in programma un’apertura speciale, un meeting o un live? Crea un evento e lascia che i partecipanti confermino la loro adesione.
  • Creare un’offerta su Facebook: Hai degli sconti o delle offerte interessanti da presentare ai tuoi utenti? Faglielo sapere con un’offerta.
  • Negozio Facebook: questo strumento ti aiuta a promuovere ancora di più i tuoi prodotti e può essere collegato a e-commerce basati su Shopify, BigCommerce e WooCommerce.
  • Video di Facebook: la tua social media strategy deve prevedere dei video, non dimenticartelo! Originali, ben costruiti e informativi, oltre che divertenti.
  • Recensioni: una volta che la tua attività risulta essere ben avviata, apri la sezione recensioni e lascia che siano gli utenti a dare un’opinione solida e onesta sul tuo business e sulle sue capacità. Questo strumento ti permette di guadagnare fiducia e ottenere il massimo dalle transazioni andate a buon fine.

Sponsorizzazione su Facebook

La sponsorizzazione dei post è una procedura di lancio pubblicitario dei post su Facebook. Si seleziona un target, si configurano le impostazioni principali e si stabilisce un budget che determinerà la portata e l’impatto della campagna. Puoi sponsorizzare i tuoi post meglio riusciti servendoti del Pixel di Facebook, un tool integrato al social media che ti permette di perfezionare le tue Facebook Ads. Pixel si collega con un codice al tuo sito e lo analizza, al fine di creare un pubblico personalizzato per le tue sponsorizzazioni.

Creare un pubblico

Una sponsorizzazione efficiente parte dalla creazione di un pubblico che corrisponda alle caratteristiche del brand. Inutile che la tua pubblicità sui corsi di skateboard (pagata fior di quattrini) appaia tra le proposte di una persona di 70 anni residente dall’altra parte dell’Italia, e altrettanto inutile è mostrare una lavastoviglie a un adolescente che non ha ancora capito che, questo strano congegno, non si svuota ogni giorno per magia.

Il punto di partenza è quello di esaminare le interazioni degli utenti con il tuo sito e capire quali sono le loro intenzioni nei confronti del tuo sito web: chi ha aggiunto il tuo prodotto al carrello senza completare l’acquisto? Da qui si possono fare una serie di ragionamenti sul bersaglio dei tuoi post, il tono di voce da utilizzare e, finalmente, il budget da investire.

Ognuna delle attività che abbiamo menzionato dovrebbe essere svolta da un professionista della comunicazione che ha studiato il tuo settore, e sa come muoversi per attirare l’attenzione della gente del tuo target. Se hai altri consigli per i neofiti di Facebook, non esitare a comunicarceli nei commenti!

Guida SEO

Scarica la nostra miniguida SEO. E gratis!

Il SEO Copy, o la SEO copy che dir si voglia, dovrebbe essere né più né meno l’asso nella manica di ogni comunicatore che si cimenta con lo storytelling digitale.

Scrivere secondo le regole del SEO copywriting significa innanzitutto individuare la parola chiave o le parole chiave più promettenti, e in base a queste configurare l’articolo in termini di struttura, lunghezza e contenuti extra (immagini, video e non solo). La competizione, complice una maggiore consapevolezza delle opportunità legate al SEO copy, è aumentata a dismisura negli ultimi anni, il che ci obbliga a prestare particolare attenzione a questo aspetto peculiare e solo in apparenza secondario.

Scarica la miniguida SEO